⏲Tempo di Lettura: 1 minuti ⏲

Hai presente quando la leonessa, dopo la battuta di caccia, rientra nel regno del Re della Foresta e gli ruggisce contro per cercare le sue attenzioni? Cosa fa il leone?

Molti direbbero: “Beh il leone, fa il leone, se ne sbatte e si gira dall’altra parte, infischiandosene”. Questo è vero.
Ma quando quel leone sente il suo ruolo dominante “traballante” che fa?
È scontato dirlo no? Alza la voce!

Ecco, quel ruolo dominante è spesso ricercato nella mia figura. E mi rendo conto di essere sempre meno presente nelle menti di chi sa bene che il mio ruolo è un altro, e spesso usa vie alternative, a volte anche senza farla apposta.

Si ma, Simone, sei tu che hai accettato di avere una BRAT al tuo fianco! E su questo non ho nulla da recriminare. Anzi.

Sarà il momento, forse troppo prolungato, ma mi rendo conto di non essere più ad un livello tale di dominanza, dato anche dal periodo in cui viviamo, le poche persone che vedo, e che mi fanno sentire spesso inferiore. Soprattutto quando alzo la voce facendo rispettare i miei principi, poi capita di sentirmi in colpa. O forse ripenso che forse non dovevo.
Dove sta la verità? Cosa dovrei fare?

Passerà mai questo periodo? Tornerò a sentirmi ancora il re della foresta e alzare la voce come un tempo sentendomi FORTE?